COS'E' IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO

Il calcestruzzo ha un'ottima resistenza a compressione ma una scarsa resistenza a trazione. Per risolvere questo problema, nel cemento armato vengono inserite delle armature metalliche. Queste armature, sotto l'effetto della trazione, si allungano e, poiché l'acciaio e il calcestruzzo sono perfettamente aderenti, l'allungarsi di uno comporta l'allungamento dell'altro. Ma in presenza di forti sollecitazioni di trazione il calcestruzzo, allungandosi, rischia di fessurarsi. Le fessure non compromettono la stabilità della struttura, ma provocano deformazioni e diminuiscono la protezione dell'armatura metallica, che con il tempo si ossida.

La tecnica della precompressione consente di ottenere dei pali in grado di sopportare sollecitazioni ben più importanti di quelle sostenibili da uno stesso elemento in solo cemento armato. Con questo metodo si conferisce al palo una compressione preventiva tale che possa bilanciare la trazione determinata dal peso proprio e dagli eventuali carichi a cui sarà sottoposto: l'armatura metallica viene fatta allungare applicando una forza di trazione alle sue estremità, la trazione viene trasferita al conglomerato in cemento come compressione, applicandola per aderenza con la tecnica della pre-tensione. Sotto l'effetto dei carichi, la trazione di flessione nella parte tesa annulla progressivamente la compressione precostituita; ecco che possiamo dimensionare le strutture in modo che il conglomerato sia in ogni punto sempre compresso. Le armature metalliche vengono sollecitate al massimo delle loro possibilità in corrispondenza del limite di fessurazione del conglomerato.


VAI A TEKNOCOVER